“Io sono nato qui”, festa al Buccheri-La Ferla

  • Maria Rosa D'Anna, Claudio Di Gesù e Tiziana Martorana
  • foto11-2
    Lo staff medico e paramedico del dipartimento di Maternità e Neonatologia
  • Maria Rosa D'Anna con il figlio Giuseppe Vella
  • Le hostess con la maglietta "Io sono nato qui", donata a tutti i bimbi presenti alla manifestazione
  • Claudio Di Gesù e Tiziana Martorana
  • Claudio Di Gesù e Tiziana Martorana
  • Gruppo polifonico "Del Balzo"
  • L'opera di Pippo Madè, simbolo del venticinquennale
  • Italia Caraccio
  • Leoluca Orlando, Claudio Di Gesù e Tiziana Martorana
  • Fra' Pietro Cicinelli e Romano Forleo

di Maristella Panepinto – L’accoglienza alla vita come passione, come talento messo a disposizione, come miglioramento di se stessi. E’ stato questo il messaggio trasmesso in occasione dei festeggiamenti per i 25 anni di attività del dipartimento materno infantile dell’ospedale Buccheri La Ferla. In prima linea, a organizzare l’evento, il primario, la ginecologa Maria Rosa D’Anna, che dal 2007 è al timone del reparto – prima donna siciliana a ricoprire tale ruolo. I dati del Buccheri incoraggiano: 55 mila bambini nati in 25 anni e una media di 2.500 parti all’anno.
Decine di ospiti hanno fatto da corona alla dottoressa D’Anna e all’intero staff di Ostetricia, Ginecologia e Neonatologia. E se l’unione fa la forza ci si spiega subito il perché, a un certo punto della manifestazione, il palco dell’aula polifunziale dell’ospedale sia stato gremito da tutta l’equipe medica e paramedica del reparto. Targhe, sorrisi e attimi di commozione, stemperati da una serie di interventi musicali e di teatro. Tra gli ospiti il gruppo polifonico “Del Balzo”, i talentuosi “Sinagria”, l’espressività di Italia Carroccio.
Presente anche il professore Romano Forleo, del Fatebenefratelli dell’Isola Tiberina di Roma. Forleo ha riepilogato la nascita di un progetto lungo ormai decenni: trasformare l’esperienza del parto in un percorso umano prima che medico ed ospedaliero. Alleviare il dolore, dividere le distanze e contribuire alla gioia.
Nel pubblico centinaia di ospiti, molti dei quali giovanissimi, con indosso la maglietta “Io sono nato qui”, ma anche mamme con il pancione e donne reduci da dure battaglie contro il tumore o l’infertilità. A presentare la manifestazione i giornalisti Tiziana Martorana e Claudio Di Gesù.