Ciak si gira con un cast tutto palermitano

  • David Micciche,Manlio Lanza di Scalea,Michele Li Volsi
  • Manlio Lanza di Scalea,Francesco Lonatro e Rosalia Le Calze
  • Azzurra Longo e Manlio Lanza di Scalea
  • Andrea Scalia,Morena Di Benedetto,Stanislao La Porta,Giuliana Marino
  • Michele Li Volsi
  • Manlio Lanza di Scalea,Francesco Lonatro,Rosalia Le Calze
  • Morena Di Benedetto,Manlio Lanza di Scalea,Andrea Scalia
  • Morena Di Benedetto,Andrea Scalia,Gabriele Gumina,Azzurra Longo,Giuliana Marino,Manlio Lanza di Scalea,Stanislao La Porta
  • Michele Li Volsi
  • David Miccichè
  • David Miccichè,Michele Li Volsi
  • sequenza-01_101126
    Michele Li Volsi

di Milvia Averna – Il giovane regista Manlio Lanza di Scalea ha scelto Palermo per l’ambientazione del suo film “La zona di Franca”, prodotto dalla Seven Comunication con il patrocinio del Comune di Palermo. L’erede della nobile famiglia siciliana, che è anche sceneggiatore della pellicola, si è formato alla New York Film Accademy e attualmente vive a Praga. La voglia di raccontare la nostra cultura di Palermo attraverso i suoi luoghi caratteristici, tra tutti la Vucciria, e il messaggio del rifiuto della cultura mafiosa sono al centro del film, che sarà presentato nei maggiori festival europei.
Nel cast, tutto palermitano, ci sono Giuliana Marino, la protagonista, cantante all’accademia di musica moderna, Stanislao La porta, allievo di Anna Strasberg, Giorgio Albertazzi e Luca Ward, Azzurra Longo, che studia all’Accademia di Teatro e Cinema ”Crystal” diretta da Mario Pupella, Giuseppe Sardo della compagnia teatrale Veradusa, e infine Franco Percora, unico attore di origini non palermitane con diverse esperienze sia a teatro che al cinema.
Il soggetto è di Maria Montalto, sceneggiatrice e autrice di diversi cortometraggi. La sceneggiatura è di Daniele Lupo che con Bluebarry Jam è stato primo premio 2011 a New Art di Palermo. La direzione della fotografia e l’aiuto regia sono state affidate a Rosalia Le Calze, laureata al Dams. Le riprese audio di David Miccichè.